11Dicembre2018

GERENZANO DEMOCRATICA

Scegliere nel presente - Ricostruire il futuro

15 Febbraio 2012 Scritto da 

Edilizia a Gerenzano

Gerenzano è un paese che negli ultimi 2 decenni ha avuto una forte impennata demografica, aumentando di circa il 20% il numero dei suoi abitanti fino ad arrivare a crca 11.000 unità.

Ciò si è verificato anche grazie all'intensa cementificazione operata in paese negli scorsi lustri.

Se guardiamo una cartina dell'area a nord di Milano ci rendiamo subito conto che la porzione di territorio non urbanizzato di Gerenzano è a tutti gli effetti parte integrante di quel polmone di aree verdi rappresentato dai vari P.L.I.S. che seguono il corso del Bozzente, mettendo in comunicazione attraverso un ordito agrario e boschivo i terreni a ridosso dell'abitato di Lainate fino al Parco Pineta di Tradate, come dimostra l'immagine qui sotto.

Basterebbe mettere in relazione questa immagine con alcuni dati per capire quanto sia di primaria importanza per il nostro comprensorio la tutela degli ambienti naturali rispetto alle aree antropizzate in continua espansione. E i dati sul consumo di suolo fanno impressione: secondo uno studio del DIAP-Politecnico di Milano commissionato dall'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (A.R.P.A.) ogni giorno in Lombardia il suolo è stato consumato al ritmo di 140.000 metri quadrati (l'equivalente di circa 20 campi di calcio) per un totale di quasi 5.000 ettari l'anno coperti da cemento ed asfalto, dall'edilizia residenziale e commerciale, da strade, impianti industriali, centri commerciali e capannoni: terra che non tornerà più al suo status originario, poiché è quasi impossibile che un terreno edificato possa tornare fertile come prima di essere cementificato. 

Noi vgliamo che Gerenzano diventi il polmone verde del saronnese. 

Noi vogliamo salvaguardare e valorizzare il territorio agricolo per tramandarlo alle future generazioni così come i nostri padri l'hanno lasciato a noi.



Sede : Via xxx xxx - Gerenzano
e-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.